Nome in codice?

IMG_8727.jpg

Comunicare via messaggi, per chat o per e-mail ormai è sempre più popolare. Nei messaggi, i giovani specialmente, non danno importanza alla punteggiatura, alle regole grammaticali o all’ortografia.Illustri linguisti definiscono la lingua dei giovani un “guazzabuglio”. Certamente è una lingua che tende piuttosto all’eccesso che alla sobrietà. I giovani si esprimono attraverso emoticon, abbreviano le parole e ne coniano di nuove.

102-sms

Essi cercano di capirsi e crearsi un’identità all’interno di una società in cui i contesti sono collassati. Nei social network per esempio il pubblico è visibile e perciò tutto ciò che dicono può essere utilizzato contro di loro. Ciò comporta ad un’analisi su chi può vedere il loro profilo e come potrebbe interpretarlo. In generale non si preoccupano per i governi o le multinazionali, quanto piuttosto dei genitori,professori, parenti e perciò creano delle strategie alternative per essere “privati” come la stenografia sociale ( l’arte di nascondere i messaggi in bella vista).

Il linguaggio diviene anch’esso un segno distintivo, una maniera per crearsi uno spazio unico all’interno del contesto sociale. Il voler comunicare e non comunicare è la chiave.  La lingua dei giovani è un gergo vero e proprio e come tale non ama norme e discipline.

E’ usato come mezzo di comunicazione per chi lo condivide e di esclusione per chi non lo comprende.

E’ un linguaggio artificiale, composto da molti vocaboli deformati o di significato alterato. Esso non è solo parlato,anzi tende ad essere un linguaggio più scritto, dovuto anche alle nuove forme di comunicazione.

Il problema oggigiorno per i ragazzi è riuscire ad utilizzare il loro linguaggio nel contesto adatto, si tende a mescolare espressioni comuni a scuola o mentre si attua una conversazione con i genitori o comunque adulti in generale. I giovani devono riuscire a distingue i vari registri, per esempio un tema scritto prevede la formulazione di frasi complete mentre un SMS no.

Comunque sia i ragazzi sono abbastanza abili ad adattare il loro stile nelle diverse situazioni di scrittura.Si crede che i media digitali abbiano influito sulla competenza di scrittura dei giovani.

L’università di Scienze Applicate di Zurigo ha dimostrato come gli SMS, e-mail e chat non influiscano sulla conoscenza sull’ortografia e sulla capacità di espressione. Non esiste un vero e proprio impoverimento della lingua, il linguaggio applicato dai giovani è soltanto un’evoluzione innovativa e creativa. 

winking-emoji-elite-daily

Esempi:

  • sfigasfigato: anche questi lemmi hanno sconfinato nel linguaggio comune; com’è noto, significano “sfortuna, sfortunato”;
  • sgamare: verbo dai significati a volte contraddittori. Presso alcuni sta per “cogliere sul fatto, scoprire”, per altri al contrario indica “svignarsela”;
  • sballo: effetto di stupefacenti; nell’espressione “da sballo” indica persona o cosa molto eccitante;
  • figo, anche fico, con i rispettivi femminili: vuol dire “in gamba”;
  • cifra, nell’espressione una cifra, come un casino e a volte anche una frega: un mucchio, una gran quantità

Grz a tt x aver letto il mio post !1!

i  ❤ u

Marti

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...